lunedì 28 dicembre 2009

Sformatino di zucca, miele e noci






Come in tutte le latitudini continentali, la zucca abbonda anche in Bulgaria e si usa fino ad inverno inoltrato per numerose preparazioni come ripieno per lo strudel, cotta al forno o in marmellata. Una delle tipiche preparazioni è la Zucca, latte e miele che vi propongo in porzioni individuali.

700 gr. di purea di zucca (mantovana cotta al vapore)
100 ml di latte
1 cucchiaino di cannella (se piace)
2-3 cucchiai colmi di miele (regolandovi secondo i gusti personali)
1 uovo
3-4 noci
burro per le formine
noci e zucchero a velo per la decorazione

  • per la purea di zucca
Lavate bene esternamente la zucca mantovana, tagliate a pezzi grossi. Fatela cuocere con la buccia a fuoco basso in pentola coperta con pochissima acqua sul fondo. Bastano 15 minuti o comunque fino a quando è bella morbida e la forchetta affonda senza problemi. Se necessario aggiungete dell'acqua durante la cottura, sempre poca per mantere asciutta la polpa. Togliete dal fuoco, lasciate raffreddare su una grata in modo che perda l'acqua di cottura. Passate al passaverdure o riducete a purea con il mixer. Potete preparare la purea il giorno precedente e usarla di seguito.
  • preparazione
Fate cuocere a fuoco basso la purea di zucca con il latte e il miele. Fate evaporare mescolando spesso, aggiungete l'uovo sbattuto e la cannella. Proseguite fino ad ottenere una crema densa. Trasferite in fornine imburrate (molto comode quelle inidviduali per cremè caramel o muffin, più laboriose per sformare quelle unite). Aggiungere un fiocchetto di burro su ogni preparazione. Infornate in forno preriscaldato a 190°C per 10-12 minuti. Poco prima di sfornare aggiungete i pezzettini di noci. Lasciate riposare 15-10 minuti, sformate su un piatto capovolto. Decorate con lo zucchero a velo o granella di noci. Se non vi piace la cannella potete preparare lo sformatino senza e usarla come decorazione in modo da poter dosare la quantità.

venerdì 25 dicembre 2009

Regali gastronomici e leccornie di Natale


Finalmente pronti ed impacchettati:




I preparativi:

Kirpfel alle mandorle e cioccolato




e Biscotti bianchi al cardamomo










Biscotti con le "finestrelle" e
 Biscotti al miele e cannella


Polentine al pecorino e le olive verdi
e Delizie al doppio cioccolato




Marmellata di mele, pinoli e uvetta
e Marmellata di pere e cioccolato



Buon Natale

martedì 22 dicembre 2009

Pane tradizionale "La faccia della felicità"!

Il mio primo pane  - neve, profumo di inverno, ricordo di nonna...
La gioia che la pasta e la cottura mi sono riuscite bene, la felicità in tempo reale!



125 ml. latte tiepido
1 uovo + 1 chiaro d'uovo
1 cucchiaio di olio
560 gr. farina
20 gr. lievito di birra
1 cucchiaino colmo di sale
1 cucchiaino di zucchero

50-60 gr. burro morbido per la teglia e la lavorazione
sesamo
1 tuorlo e 2-3 cucchiai di latte per la decorazione

Importante - tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente.

Per la preparazione e la prima lievitazione dell'impasto si può usare la macchina del pane, programma "Pasta lievitata", circa 1,30h, poi si prosegue a mano.

Dopo la prima lievitazione dividete la pasta  in 10 filoncini. Ungete spesso coltello, pasta e mani con burro morbido, per evitare che si incollino. Intrecciate 2 filoncini e metteteli nel centro di una teglia imburrata arrotolati su se stessi, gli altri otto arrotolate in forma di lumaca e disponete intorno al centro lasciando una certa distanza tra di loro. Lasciate lievitare un'altra volta - circa 20-30 minuti.










Appena raddoppiano di volume spenellate con tuorlo d'uovo sbattuto con un pò di latte (2-3 cucchiai), se vi piace cospargete con semi di sesamo e cuocete circa 20 minuti in forno preriscaldato a 190°C.










Sfornate il pane e glassate la superficie passandola con una noce di burro che la renderà lucida. Copritelo con un canovaccio pulito e lasciate riposare circa 10-15 minuti dopodichè sformate e lasciate raffreddare su una grata da biscotti.



Questo pane tradizionale e le sue varianti è il pane delle feste, dei battesimi, delle grandi occasioni. Il modo più semplice di gustarlo è con "sale variegato" - spezie miste macinate, mescolate con un pò di sale e peperoncino dolce, oppure con formaggio feta e salumi. Per chi si ricorda i leader sovietici in visita nei paesi amici - questo è il pane che gli veniva offerto ancora alla scaletta dell'aereo in segno di amicizia.
Questa ricetta partecipa alla raccolta "A tutta birra".
Si è verificato un errore nel gadget