sabato 30 gennaio 2010

Torta Zebra

Imparati da voi

Ho visto questa Zebra così allegra e carnevalesca  da Svuotafrigo e l'ho fatta senza cambiamenti


l'unica modifica - sbagliando a leggere ho messo 1 bustina intera di lievito per dolci al posto di 1/2 - è venuta fuori una zebra più arzilla.






martedì 26 gennaio 2010

Salmone marinato a sorpresa



Non avrei mai fatto questa ricetta leggendola, per fortuna ho assaggiato il salmone preparato così dalla mia amica Diana e da allora la faccio spesso, l'ho proposta anche ad un pranzo importante e ha avuto successo. Non so se per la salsa di soia o perchè cuoce coperto, ma dentro rimane morbidissimo. Se vi va di osare - provate!

per 3 persone


3 tranci di salmone fresco
3 cucchiai di zucchero di canna grezzo
3 cucchiai di salsa di soia Light (Brand)
3 cucchiai d'acqua


rametti di timo


Cospargete i tranci con lo zucchero seguito dalla salsa di soia e infine l'acqua. Coprite con la pellicola e lasciate marinare 1 ora in frigorifero. Ogni tanto bagnate con la marinata o girate i tranci a metà marinatura.
Trascorso il tempo fateli sgociolare bene per eliminare la marinata, tamponate con carta da cucina, i tranci ritorneranno del loro colore arancione intenso.
Non salate - la salsa di soia è già salata.



Se i tranci sono orizontali e con la pelle scegliete la cottura nella padella-griglia:
scaldate bene la padella, mettete il timo e i tranci con la pelle a contatto con la piastra; appena prendono calore coprite con il foglio di alluminio e fate cuocere 4-5 minuti. Guardati di profilo devono aver cambiato colore a 2/3 dell'altezza - si nota benissimo la differenza nel colore tra la parte cotta e quella cruda.
Girate i tranci e fateli cuocere sempre coperti ancora 2-3 minuti (meno perchè non c'è la pelle che protegge).
Non rigirateli più per non danneggiare la crosticina dorata.

Come accompagnamento potreste grigliare dei dischi di polenta gialla che basta mettere sulla griglia dopo aver girato i tranci.


Se i tranci sono verticali preferite la cottura al forno:
coprite con il foglio di alluminio, infornate per 15-20 minuti a 200°C (forno ventilato).
Come accompagnamento potreste aggiungere delle patate lesse in precedenza. Tagliatele a quarti e 5 minuti prima della fine della cottura disponetele intorno ai tranci di salmone - è sufficiente per scaldarle e insaporirle bene.



sabato 23 gennaio 2010

Quiche ai finocchi...

Imparati da voi

Ecco come è venuta la Quiche ai finocchi di Katty



Chiarissime le spiegazioni, guidano benissimo la preparazione.
I finocchi preparati così sono ottimi anche da soli come contorno di altri piatti.
L'unico "problema" - la pasta sotto il ripieno è rimasta un pò schiacciata e bianca.
Forse dovevo cuocerla di più?
Voi come avete fatto?
La prossima volta proverò a cuocerla 30-40 minuti a 180°C e poi 10 minuti a 200°C come la Quiche con le coste.

mercoledì 20 gennaio 2010

Tartare di tonno

per 3-4 porzioni

550 gr. di tonno freschissimo
1/2 cipolla
1 spicchio d'aglio
1 manciata di capperi sotto sale
il succo di 1/2 limone
prezzemolo
olio
sale
pepe

Tritate con la mezzaluna la cipolla, l'aglio, i capperi ben lavati e il prezzemolo, radunateli in una ciotola.
Tagliate con la mezzaluna o con un coltello grosso la polpa del tonno ottenendo una massa simile a quella della carne trita.
Unite nella coitola, condite - mischiando bene - con sale, pepe, il succo filtrato del limone e solo infine l'olio. Vedrete cambiare il colore del tonno perchè "cuoce" dal limone. Per ottenere la forma usate l'anello da cucina o riempite bene una scodella e capovolgete sul piatto da portata.
Servite subito.

Ho imparato questa ricetta dal Sig. Pasquale, il gentilissimo proprietario del ristorante "Al Muleto" a Milano. Lui porta in tavola tutti gli ingredienti e condisce la Tartare davanti ai clienti.

giovedì 14 gennaio 2010

Saccottini di sfoglia con uovo e feta

Quando fate le torte salate e vi avanza della sfoglia, potete fare questi saccottini gustosissimi. Gli ingredienti sono:

ritagli di pasta sfoglia o brisee
1 uovo
feta o quartirolo sbriciolati
sale (solo se si usa il quartirolo)

Ritagliate dei rettangoli dalla pasta sfoglia, nel centro mettete un pò di ripieno fatto con l'uovo sbattuto e il formaggio sbriciolato, se necessario aggiustate il sale.


Chiudete i saccottini in alto con l'aiuto di uno stuzzicadenti, spennellate con dell'uovo sbattuto.
Con i ritagli più piccoli formate dei fiori di calla, mettendo un pezzettino di formaggio per il petalo.
Dai picollissimi potete formare delle roselline.
Infornate a 200°C per 15 minuti circa.
Sfornate e togliete subito gli stuzzicadenti, lasciate intiepidire sulla grata da biscotti.




domenica 10 gennaio 2010

Le ricette impossibili


La raccolta mensile per le ricette più difficili


"Non sapendo fosse impossibile... lo fece!"



Questa è la rubrica mensile dedicata alla ricetta con l'esecuzione più difficile. Alla fine dell'anno - scelta del vincitore! 
Gennaio si apre con  l'Araba Fenice di Annie, che mi ha suggerito anche il titolo della rubrica. Se l'idea vi piace, inviate le vostre proposte come commento a questo post. Le proposte verranno incluse nell'elenco qui sotto.
Scadenza - l'ultimo giorno di ogni mese del 2010.


REGOLAMENTO

  1. Partecipano ricette dolci e salate che esigono capacità o manualità particolari, indipendentemente dal tipo - decorazione, pazienza, esperienza, ingredienti, preparazione - non soltanto torte, pensate ad una sfoglia sottilissima fatta a mano o ad una mostarda particolare e ... qualsiasi ricetta difficile e impegnativa vi venga in mente.
  2. Partecipano ricette realizzate negli ultimi 3 mesi.
  3. Le ricette devono essere accompagnate da foto della preparazione e del risultato finale.
  4. Inviate le proposte come commento a questo post.
  5. Includete nel vostro post con la ricetta il link o il banner di questa rubrica.
  6. La rubrica è mensile, i vincitori di ogni mese concorrono per il titolo Chef 2010.

*in questa rubrica partecipano ricette sia del blog italiano che del blog bulgaro

"Non sapendo fosse impossibile... lo fece!"

Proposte GENNAIO 2010

1) L'Araba Fenice di Annie, che le è costata 1 settimana di lavoro - How to make a fondant or gum paste (fire)bird 













2) La Casetta natalizia di Toni - Коледна къщичка












e per motivarvi, partecipa fuori conocorso (solo perchè di agosto '09)

3) La Pasta di nonna Pina fotografata da Cenerentola - La pasta di nonna Pina


Mi sa che questo mese sono tutti un pò fuori regolamento, ma includo anche

4) il Babbo Natale Stanco di  Morena - Babbo Natale è molto stanco e deve riposare...













Ecco in piena regola di Regolamento e dopo una lievitazione di 3 giorni:

5) Le Brioches alle Cigliegie di Saveurs et Giurmandises - Brioches aux Cerises













Le votazioni per la ricetta di GENNAIO 2010 sono aperte fino al 5 marzo 2010. Votate nella colonna quì a fianco.
Sommati i voti dai 2 sondaggi e dai commenti ai post - VINCITORE di GENNAIO 2010 è L'ARABA FENICE DI ANNIE


Proposte FEBBRAIO 2010

1) Direttamente dal Regno dell'Alba boreale - la Torta Invernale di Dimi













su proposta di Fifi










3) dal blog di Elisa - la Torta Meccanici










4) e la Torta Scacco Matto di Ghery - Торта "Шах-мат"











Le votazioni per la ricetta di FEBBRAIO 2010 sono aperte fino al 4 aprile 2010. Votate nella colonna quì a fianco.
Sommati i voti dai 2 sondaggi - VINCITORE di FEBBRAIO 2010 è la TORTA INVERNALE di DIMI


Proposte MARZO 2010

Ragazze! Marzo parte fortissimo! Guardate le proposte - la gara è aperta con tutte le preparazioni favorite!

1) La Pavlova di Morena













2) La Torta Magneten di Maria







 
 
 
3) La Borsa di Louis Vuitton di Ramona
 
 
 
 
 
 
 
 








Le votazioni per la ricetta di MARZO 2010 sono aperte fino al 3 maggio 2010. Votate nella colonna quì a fianco.
Sommati i voti dai 2 sondaggi - VINCITORE di MARZO 2010 è la PAVLOVA di MORENA.
 
ASPETTO ALTRE VOSTRE PROPOSTE!

Proposte APRILE 2010

Le proposte di questo mese sono all'impronta delle ricette impensabili, ecco entrare in pieno titolo

1) I cioccolatini svuotati di Ina, che ha scavato i cioccolatini sostituendo il loro ripieno con marmellata di lamponi per poi farcire i muffins.










2) Le bellissime ... zollette di zucchero decorate di Donatella















3) Le candeline di cioccolato bianco e stuzzicadenti di Elenuccia











Le votazioni per la ricetta di APRILE 2010 sono aperte fino al 1 GIUGNO 2010. Votate nella colonna di fianco, vicino al titolo del blog.




venerdì 8 gennaio 2010

Biscotti al cocco


Facili e veloci come spero sarà il parto della mia amica Martina, la quale mi ha invitato a fare da madrina alla sua bambina che nascerà a febbraio e mi ha chiesto per le feste dei biscotti "forestieri".

300 gr. farina di cocco
3-4 cucchiai di farina 00
150 gr. zucchero
150 gr. burro
1 cucchiaino di lievito per dolci
3 uova

Lavorate bene il burro e lo zucchero con il mixer fino ad ottenere una crema soffice. Aggiungete la farina a pioggia , le uova uno alla volta, il lievito e per ultima la farina di cocco. Coprite l'impasto con la pellicola e lasciatelo riposare mezz'ora in frigorifero. Formate delle palline di circa 2 cm. L'impasto risulta appiccicoso - aiutatevi con della farina per formare le palline. Disponetele sulla placca rivestita di carta da forno lasciando spazio abbondante tra di loro.
Infornate per 10 minuti nel forno preriscaldato a 170°C (indicazioni per forno ventilato).
Controllate la cottura 2-3 minuti prima, il cocco si oscurisce in fretta.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta Ricette con cocco


martedì 5 gennaio 2010

Ciambella alla piacentina




400 gr. farina
180 gr. zucchero
100 gr. burro
1 bustina di lievito per dolci
1 vanillina
pizzico di sale
la scorza grattugiata di 1 limone
3 tuorli
1/2 tazza di latte o poco più
1 chiaro d'uovo per la decorazione
zucchero a granella o cigliegine

Tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente.
Impastate nell'ordine farina, zucchero, sale, lievito, aromi e burro a pezzetti fino ad ottenere delle briciole farinose. Aggiungere i tuorli e impastare versando a poco a poco il latte.




Lavorate con le mani per ottenere un composto omogeneo, trasferite in una forma da ciambella imburrata. Spennellate leggermente la superficie con il chiaro sbattuto, cospargete con la granella di zucchero o le cigliegine. Cuocete in forno riscaldato a 200°C per 30 minuti. Sformate solo quando la ciambella si è raffreddata completamente.
Aiutatevi con una spatola sottile per staccarla dai bordi, capovolgete la forma e sistemate sul piatto da portata.

In mancanza della classica forma da ciambella, fate come le massaie piacentine di una volta: usate una teglia rotonda e per formare il buco, posate una tazza capovolta nel centro. Ottima davvero, la colazione preferita di mio marito che ha bandito l'uso del mixer e pretende una pasta rustica fatta letteralmente dalle mie mani.
Si è verificato un errore nel gadget