sabato 28 agosto 2010

La Torta di Shakespeare

...alla lavanda
A questa torta applico spesso quello che ci hanno insegnato al corso di pasticceria - nell'ambito dello stesso ingrediente si possono variare le proporzioni, importante non cambiare la quantità. Cioè bisogna mantenere il peso indicato dalla ricetta: Es. 250 gr. di farina - la si può cambiare mettendo 2/3 di un tipo e 1/3 di un altro ottenendo così risultati diversi. Oppure 100 gr. di zucchero si possono scomporre a 60 gr. zucchero bianco, 20 gr. di zucchero a velo e 20 gr. di zucchero di canna. Questo aiuta a sfruttare le rimanenze e ad avere sempre dolci leggermente diversi.


250 gr. farina
(di cui 180 gr. farina bianca + 35 gr. farina di grano saraceno + 35 gr. di farina di madorle)
180 gr. zucchero
120 gr. burro a pomata
100 ml. latte
60-80 gr. di prugne fresche (snociolate e tagliate a meta, cosparse con un pò di zucchero a velo)
4 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
scorza gratuggiata di limone
3-4 fiorellini di lavanda (non di più, sono fortissimi)


Per prima cosa preparate le prugne e lasciatele da parte.
Montate i tuorli a neve ben ferma.
In una ciotola mischiate insieme le farine, il lievito e il sale.
In un'altra lavorate il burro e lo zucchero fino ad ottenere una pomata, aggiungetevi i tuorli uno alla volta e infine il latte sempre un pò alla volta.
Aggiungete gli ingredienti secchi, mischiate bene per renderli omogenei e aggiungete gli aromi.
Alla fine incorporate gli albumi montati.
Mettete l'impasto in una forma imburrata e infarinata e mettetevi sopra le prugne.
Infornate per i primi 15 min. a 200°C e poi abbassate e finite la cottura a 180°C per altri 25 minuti.


Sformate quando la torta e tiepida, cospargete a piacere con lo zucchero a velo.

I fiori di lavanda abbinati alla farina di mandorle e di grano saraceno hanno riscosso un successone! Le prugne danno il tocco di freschezza, gli albumi montati la rendono soffice anche con la presenza del grano saraceno... Ottima! Oggi la rifaccio, un'altra volta vi spiego il nome.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta Lavanda in terrazza.

7 commenti:

  1. wow che delizia!!!!complimenti!!ciao!

    RispondiElimina
  2. Grazie Federica,
    buona domenica!

    RispondiElimina
  3. che buono questo accostamento, non ci avevomai pensato ma in torta come la tua pensi sia fantastico!

    RispondiElimina
  4. questa torta semplice e profumata mi piace molto! annotata!

    RispondiElimina
  5. Lucy,
    Shade,
    sì, è piaciuta a tutti, a me tantissimo e l'ho rifatta già 2-3 volte

    RispondiElimina
  6. Bellissimo accostamento, complimenti!

    RispondiElimina
  7. Grazie Gloria,
    l'ho scoperto da poco e mi è piaciuto davvero tanto, prova anche tu!

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget